Counseling – Il Dialogo delle Voci

Counseling – Il Dialogo delle Voci

Counseling – Dialogo delle Voci

Per il Dialogo delle Voci si organizzano durante l’anno seminari di gruppo di una o più giornate e sedute individuali in associazioni culturali di Padova.

Che cos’è il voice dialogue?

Uno dei principali riferimenti teorici del Voice Dialogue è la Dinamica dei Sé, principio secondo cui la personalità di ognuno di noi non è uniforme bensì poliedrica, composta quindi da diverse Parti, che possiamo anche definire Aspetti, Sé o Voci.

La personalità risulta così essere composta non da un’unica dimensione monolitica, ma da “tanti volti”. A volte ci sentiamo forti come un guerriero e altre volte fragili come un bambino? Ora impacciato ora attraente? Ora trasgressivo ora innocente? ecc.

Dentro di noi albergano molte personalità, anche in contrasto fra di loro, a seconda della situazione, persona o gruppo con cui ci troviamo in relazione.

Nel processo di crescita, di adattamento all’ambiente e di imitazione dei modelli esterni abbiamo scelto alcuni aspetti a danno di altri, che vengono declassati e soffocati.

Alcuni Sè, Aspetti o Energie sono primari, sono parti con cui siamo identificati e costituiscono la nostra parte più evidente nella vita ( Ego operativo) e poi esistono le Parti, le Voci o Sè rinnegati che cerchiamo di tenere nascosti o che non riusciamo a vivere serenamente, poiché li giudichiamo e svalutiamo.

Dentro di noi esistono dei conflitti fra le parti, a volte delle vere dicotomie, che possono causare profonde difficoltà sia nei rapporti con gli altri che con noi stessi.
Inconsapevolmente reprimiamo nell’ombra parti di noi che chiedono solo di essere ascoltate, ci priviamo della possibilità di vivere in modo più completo e appagante, consideriamo sempre gli stessi sé limitando, così, la nostra esperienza esistenziale.

Come riconoscere la presenza di parti rinnegate dentro di noi?

Ogni qualvolta una persona ci manda in reazione/giudizio/difesa è il segnale, che ci indica la presenza di una parte rinnegata che chiede di emergere, ma viene censurata.

A questo divieto segue il disagio, la rabbia, l’invidia ecc.
La seduta di dialogo ci insegna a vivere queste parti senza paura, rabbia o vergogna, risolve il conflitto, liberando risorse e potenzialità.

Quali benefici ha il dialogo delle voci?

Dialogo delle Voci

L’applicazione di tale metodologia di counseling dà il via ad un dialogo con sè stessi, inteso come dialogo con le proprie parti, in cui diventa possibile riconoscere ciò che ci sta accadendo dentro, quale aspetto sta agendo e perchè.

Le sedute di dialogo delle voci attivano un processo di disidentificazione dagli aspetti dominanti, con conseguente disattivazione degli automatismi, appianamento dei conflitti, ampliamento delle possibilità di scelta ed emersione di nuove e potenzianti risorse.

In altre parole ogni aspetto viene ascoltato, visto e considerato nella sua complessità, apprezzato e compreso, così da poterlo trasformare da sabotatore in alleato.

E’ come diventare maestri d’orchestra della propria vita: impariamo a conoscere e dirigere le nostre parti, a capire chi è più adatto nella situazioni in cui ci troviamo. Sorge un nuova consapevolezza che infonde maggior sicurezza, benessere e potere personale.

Chi lo ha inventato e quando?

Hal e Sidra Stone - Dialogo delle VociNegli anni ’70 del secolo scorso, i due psicoterapeuti americani, Hal e Sidra Stone, osservando la propria esperienza umana e di coppia con tutta la loro professionalità, intuiscono che molto probabilmente sono varie sub-personalità, con spiccate e precise caratteristiche, a popolare il complesso mondo interiore.

La visione dell essere umano come creatura molteplice non appartiene, però, solo al Voice Dialogue: vi sono altri approcci che ne condividono i presupposti (Gestalt, Psicosintesi, Analisi Transazionale, Quarta via), ma l’ approccio degli Stone presenta elementi specifici che lo rendono particolarmente efficace, efficiente e innovativo.

Gli Stone mettono a punto un metodo codificato che chiamano, Voice Dialogue (Dialogo delle Voci), che attraverso delle vere e proprie interviste ai sé permette di rafforzare la parte consapevole del soggetto e sottrarlo dagli automatismi per favorirne il processo di disidentificazione.

Diffusione

Data la grande capacità di guarigione e trasformazione, la tecnica del Voice Dialogue dagli Usa si è diffusa in Europa e in molti altri paesi, (Sud Africa, India, Argentina, Australia, Russia etc.) trovando applicazione in svariati campi (dalla psichiatria al coaching, dall’espressione corporea al management, dalla psicoterapia alle belle arti) e arricchendosi di altri strumenti quali la danza, il movimento corpore, il disegno, la meditazione, la psicogenealogia, il lavoro sui sogni etc.

L’Italia, dagli anni ’90 in poi, vedrà nascere l’Associazione Voice Dialogue, l’Istituto Innerteam, la prima Scuola di Counseling e Coaching ad indirizzo Voice Dialogue diretta dalla Dott.ssa Franca Errani, cui ne seguiranno altre e l’inserimento del Voice Dialogue come materia universitaria (Progetto Co.Re.M. Università di Siena).

Competenze

Competenze

Costellazioni Sistemico Familiari

Le Costellazioni Familiari sono un metodo moderno e molto efficace per portare sollievo alle persone che desiderano uscire
da situazioni di sofferenza che si sono perpetuate all’interno dell’Albero genealogico familiare

Counseling – Dialogo delle Voci

Il metodo Dialogo delle Voci Interiori parte dal presupposto che ognuno di noi è costituito da diverse parti, o aspetti psicologici, che possiamo definire sub-personalità o Sé.
Ognuno di questi Sé, che ha voce dentro di noi, ha propri desideri, tendenze, bisogni, convinzioni e comportamenti che possono essere riconosciuti e sperimentati direttamente

Yoga

Lo Yoga è uno strumento antico, piacevole e semplice, molto efficace per ottenere benessere psicofisico.
Grazie a questa disciplina orientale il corpo si rilassa e la mente si calma e si evidenzia uno spazio di coscienza più profondo a cui è possibile attingere

Meditazione

La meditazione è uno strumento antico e naturale che favorisce un profondo benessere psicofisico fin dalle prime sedute.
Nasce in Oriente come strumento di autoinvestigazioneper facilitare il processo di risveglio della coscienza

Home

Home

Costellazioni Sistemico Familiari

Le Costellazioni Familiari sono un metodo moderno e molto efficace per portare sollievo alle persone che desiderano uscire da situazioni di sofferenza che si sono perpetuate all’interno dell’Albero genealogico familiare

Counseling - Il Dialogo delle Voci

Il metodo Dialogo delle Voci Interiori parte dal presupposto che ognuno di noi è costituito da diverse parti, o aspetti psicologici, che possiamo definire sub-personalità o Sé.
Ognuno di questi Sé, che ha voce dentro di noi, ha propri desideri, tendenze, bisogni, convinzioni e comportamenti che possono essere riconosciuti e sperimentati direttamente

Yoga

Lo Yoga è uno strumento antico, piacevole e semplice, molto efficace per ottenere benessere psicofisico.
Grazie a questa disciplina orientale il corpo si rilassa e la mente si calma e si evidenzia uno spazio di coscienza più profondo a cui è possibile attingere

Meditazione

La meditazione è uno strumento antico e naturale che favorisce un profondo benessere psicofisico fin dalle prime sedute. Nasce in Oriente come strumento di auto-investigazione per facilitare il processo di risveglio della coscienza

Corso Hatha Yoga

I corsi da novembre 2020 sono trasferiti online nella piattaforma Zoom il Martedi ore 19:15-20:45. Chi desidera provare una lezione gratuita mi invii un messaggio o una mail così gli invio il Link.

Il corso Hatha Yoga  del lunedì  dalle ore 19:00 alle 20:30 presso La Casa Azzurra – Om sul filo del suono di Due Carrare (Padova) via Saleto n.12 e’ trasferito online il martedì ore 19:15 – 20:45.

Il corso Hatha Yoga del martedì dalle ore 19:30 alle 21:00 presso Patronato Sant’Anna a Piove di Sacco (Padova) Via Petrarca n. 1 è trasferito online il martedì ore 19:15 – 20:45.

Meditazione

Gli incontri di Meditazione sono corsi infrasettimanali di un gruppo presso associazioni culturali, percorsi individuali definiti ad personam in studio; durante l’anno vi sono dei periodi di approfondimento con seminari intensivi prolungati

 

Costellazioni Familiari, Dialogo delle Voci, Yoga, Meditazione

Articoli, news e approfondimenti

Energia e meditazione

L’Energia è ovunque, da sempre, in noi e intorno a noi. Fin dalla nascita siamo alla ricerca di energia in tutte le sue molteplici forme. La cerchiamo attraverso il respiro, il cibo, l’attività fisica, le emozioni, il riposo

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter:
riceverai in regalo l’ebook “Accendi il buio”

Esempio di una seduta di Dialogo delle voci

Esempio di una seduta di Dialogo delle voci

Esempio di una seduta di Dialogo delle voci

Consueling - Il Dialogo delle VociFacilitatore : ciao
Cliente : ciao
F : che tema mi vuoi portare?
C : di un sé perfezionista che a volte mi congela?
F : dimmi un po’ di più dal centro, è una parte che si attiva più nel lavoro, a casa o in tutti i vari ambienti…
C : si attiva nel lavoro, nella mia vita personale sono il contrario, sono disordinata più che creativa, si attiva quando faccio qualcosa a cui tengo molto e lo devo fare in modo perfetto …
F : non solo nel lavoro, ma tutto ciò che desideri fare con impegno, ho capito bene?
C : si, si
F : ok, l’hai sempre saputo oppure ti sei accorta recentemente?
C : la storia è questa, questo sé legge il metodo come il gestore completo, il re della situazione. E’ nato alla quarta superiore che ero stata malata dovevo fare l’esame ed ero troppo indietro. Lì ho avuto una punta di orgoglio e ho recuperato tutto. Il metodo è diventato parte della mia vita.
F : adesso ne senti la pesantezza…
C : si e sopratutto la fretta di non potermi sperimentare e di voler essere subito brava la prima volta
F : sento che il sé perfezionista sta emergendo, posizioniamo un cuscino alla tua destra o dove desideri tu e poi farai uno spostamento dal centro verso il cuscino e inizieremo a intervistarlo, ti va bene?
( La tecnica del Dialogo delle voci ha sviluppato molti metodi per isolare un sé e facilitare la sua conoscenza attraverso domande mirate del facilitatore. Lo spostamento è una di queste tecniche, consiste nel far spostare nello spazio il cliente per fargli fare l’esperienza diretta del sé. Questa modalità è indicata per certi clienti, non è consigliata nelle prime sedute, ma solo quando si è acquisita una certa esperienza con il metodo ).
C : si, si, ma non sta seduto, sta in piedi

F : ah ah ah, ok.
C1 : sto in piedi.
F : sembra che tu lo abbia aiutato parecchio
C1 : ma scherzi se non c’ero io non ce la faceva e poi è stato tutto un crescendo di impegni e li ci vuole metodo…
F : metodo
C1 : io sono il re del metodo, si studia otto ore, le scalette…
F : e del metodo hai fatto una via di successo per lei?
C1 : si, tam tam tam, metodo
F : bene, mi sembra di percepire
C1 : esatto
F : mi sembra di percepire che sei sicuro, sei maschile?
C1 : si, con il metodo si arriva ovunque
F : il tuo stemma?
C1 : stella cometa che mi dà l’orientamento, impegno, volontà, metodo.
F : da dove parte la tua energia?
C1 : dal terzo chakra, con piedi ben piantati a terra
F : e il tuo campo di energia?
C1 : tosto, impenetrabile
F : anche agli svaghi e alle distrazioni e anche direzionato, come se tu le indicassi la strada
C1 : adesso lei è un po’ in crisi
F : sai che mi hai anticipato la domanda
C1 : si è un po’ in crisi e sai che fino a quattro o cinque anni fa con il metodo andava adesso non serve più, nel senso che raggiunge gli obiettivi, ma in un modo veloce e con maggiore capacità di altri grazie a me e non sta zitta, non sta zitta. Obietta, e parla e critica.
F : che cosa è cambiato?
C1 : è cambiato il mondo e adesso non sono più tanto i risultati, sono le relazioni che tu tieni
F : e questo ha messo in crisi te?
C1 : lei è in crisi anche in questi ultimi giorni, perché stanno facendo una carriera fulminante delle persone che non hanno mai portato a casa niente
F : ok, seguendo te, se capisco bene, ha raggiunto tutti gli obiettivi che vi siete dati, adesso parliamo dell’azienda, adesso sono cambiate le politiche aziendali e le relazioni, e quindi c’erano dei passi per lei che ti aspettavi, nuovi lavori?
C1 : si, promozioni gli hanno fatto intendere che una promozione l’hanno data a lei e invece quello che piaceva veramente a lei l’hanno data a un’altra…
F : e che caratteristiche ha quest’altra che a lei infastidiscono?
C1 : parità di dipartimenti, non ha fatto formazione, ha vissuto di rendita …
F : per te è strano, il tuo metodo è quello che …
C1 : vince
F : una cosa che lei ha detto prima è che tu la cosa la facessi bene dal primo istante.
C1 : esatto, perché lei deve farla bene con logica, metodo, approfondire, ma non sempre funziona così
F : tu non ammetti errore…come la vedi la Cinzia che è li, grande, piccola, in buona salute…
C1 : la vedo bene, anche se ha l’età che ha è in forma, siamo insieme da quando avevo diciassette anni…le voglio bene
F : sei tu che hai guidato il carro,…, cosa proteggi tu?
C1: dall’inettitudine…
F : c’è una parte di lei o temi che ci sia una parte di lei un po’ imbranatina, pasticciona?
C1 : si è quella che viene fuori a casa, li ho poco potere, mi ha chiuso fuori dall’uscio…
F : c’è un po’ un giochino fra te e lei?
C1 : si
F : per te com’è la frase “qui non c’è bisogno del tuo metodo”
C1 : io subentro quando lei sente disagio
F : che tipo di disagio
C1 : situazioni nuove, non voglio che lei sia banale e troppo invasiva
F : tu la sgridi
C1 : io l’ho sgridata ampiamente e ho fatto anche una seduta su questo…
F : lei ha fatto una seduta e ha fatto parlare te
C1 : si, e mi ha detto che non è solo studiare, ma bisogna sentire e capire e se ti inceppi perché non sa non importa…
F : ma queste frasi come ti sono arrivate è stata dura perché non è nella tua natura…
C1 : si
F : mi sembra di capire che si apre un periodo di confronto, di revisione della vostra relazione dove lei ti chiede alcuni spazi in più tu però non ti fidi tanto e appena lei ha un disagio tu arrivi e sul fronte lavorativo rimani stupito che ci sono persone che non hanno seguito nessun metodo, formazioni, corsi e sono li che crescono
C1 : questo mi mette in difficoltà perché l’ho sempre sostenuta con questo…
F : si è questo è il modo tuo…
C1 : adesso lei mi dice e tutte quelle ore di studio e di ricerca se andavi a fare un giro negli ulivi non era meglio?
F : lei non ti dice grazie
C1 : in questo momento no
F : ti piacerebbe che lei ti dicesse grazie?
C1 : si certo
F : sei stato un alleato formidabile anche se lei sta cercando anche altre risorse, di fatto la bambina imbranatina la proteggi tu
C1 : si
F : torniamo al centro, ti separi da questa energia del perfezionista e del metodo.
Vicino a te c’è il Bambino un po’ imbranatino-vulnerabile
Hai già iniziato ad avere un contatto con lui o il contatto avviene sempre attraverso il metodo?
C : attraverso il metodo perché mi fa molta paura, perché c’è una vulnerabilità che è stata presa in giro e ridicolizzata da tutti.
F : e quindi non c’è ancora un alleato. Ti farebbe piacere poter avere un’energia alleata a te per potersi prendere cura di lei? Come ti senti?
C : sento un groppetto alla gola? Una cosa che mi stupisce, ma è così, che forse, è legata più la bambina al metodo che io stessa…
F : diciamo che comincia a costituirsi al centro un io cosciente che vede questo e prima oscillavi tra queste due, molto metodo e la bambina, che rimbalzavano e poi si sono separate e poi Raffaella riesce a vedere in modo un po’ più lucido. Senti di dire qualcosa?
C : no
F : queste energie si manifestano al lavoro e a casa in modo differente, …
C : in casa la bambina imbranata veniva criticata ! Ogni volta che tocca il computer mio ex marito “attenzione, attenzione ha toccato tutto non so più come procedere oddio oddio…”
F : sembra che recentemente sia uscito una energia protettiva che dice stiamo a casa nostra…
C : si, adesso non c’è più invasione e l’invito lo faccio io…
F : è possibile che ci sia un’energia emergente che teme il giudizio degli altri, cosa dirà la gente se lo fai cosi e cosi…
C : si
F : facciamo parlare “il sé cosa dice la gente?”

C2 : io ho avuto paura per lei che non fosse una persona di successo
F : tu volevi che lei fosse una persona di successo. Che cos’è per te il successo?
C2 : riconoscimento delle capacità, dell’impegno, delle idee …
F : più che paura del giudizio possiamo dire che tu vuoi che la gente riconosca il suo valore…
C2 : si, si
F : e se questo non accade e le persone non le danno questo riconoscimento, tu cosa fai?
C2 : non occorre neppure sgridarla perché lei cade in una bella frustrazione…
F : lei o te? Cosa fai da sotto?
C2 : da sotto gli dico “se facevi così o cosà …” nel metodo non ci sono errori
F : il metodo è stato un tuo alleato di successo
C2 : sono stati più di relazione
F : come se avesse lasciato sguarnito qualcosa anche perché il metodo non ha a che fare con le relazioni. Quindi per te è importante che lei abbia successo e tu il successo lo misuri anche dal riscontro delle persone. Se questo non arriva allora tu ti arrabbi con lei.
C2 : si
F : sei da molto con lei con questa spinta?
C2 : da quando ha cominciato ad andare benissimo a scuola
F : da lì è come se aveste cavalcato un onda e da qua non si scende…
C2 : da qua non si scende
F : da dove parte la tua energia dentro di lei…questa spinta al successo e anche la misura del successo attraverso l’approvazione degli altri, forse tu sei un alleato a lei, forse un fratello…lo conosci?
C2 : si
F : lui fa da termometro nel mondo, tu sei preso dallo studiare…tu ti affacci fuori e aspetta un attimo e qui…è stato faticoso mantenere la media del dieci…
C2 : si
F : sei tu che sei rimasto spiazzato dal successo di questa collega che senza metodo, senza corsi, senza formazione è pari grado…
C2 : si o gli daranno un progetto che voleva Cinzia
F : per te il successo è legato al metodo e allo sforzo che gli altri riconoscono?
C2 : si
F : vedo che ti sei seduta come osservatrice anche del mondo…
C2 : si osservo anche fuori
F : si quando il feedback è buono tu sei rassicurato…assomigli a qualcuno nella sua famiglia…con questi temi del successo…o è più una cosa tua?
C2 : forse…suo padre una carriera fondata sullo studio…
F : ma tu l’apprezzi comunque o se da fuori non arriva non l’apprezzi neppure tu?
C2 : fino a qualche anno fa era molto forte la determinante e adesso le cose sono un po’ cambiate…
F : tu riesci ad apprezzarla comunque?
C2 : faccio fatica, ma cerco di apprezzarla perché dei successi li ha avuti, dei successi li ha avuti…lei una volta aveva 34 anni è stata l’unica volta che non è arrivata prima ad un concorso e sono rimasta di merda…
F : il metodo vi aveva viziato ! Tu non sei capace di affrontare gli insuccessi, hai altre qualità. Quali pensi sia la tua qualità.
C2 : sfida, la curiosità
F : tu alzi il tiro, ti da gusto
C2 : si
F : ah ah ah ah ok. Avevate creato un metodo vincente e adesso che avvengono cose nuove siete un po’ spiazzati…
C2 : certo
F : come vedi la Raffaella tu da li?
C2 : bene
F : la sfida ti dà una carica, adrenalina
C2 : si
F : grazie, mi ha fatto piacere conoscerti, hai qualcosa da chiedere a Raffaella o torniamo al centro?
C2 : va bene così.
F : Come ti senti?
C : bene
F : Il Bambino/a vulnerabile a cui abbiamo accennato prima lo senti e lo conosci? Facciamo un piccolo spostamento, solo per sentire un attimo.
C : vulnerabilità?
F : vulnerabilità non significa una parte solo feribile, ma può essere qualunque cosa e sente tutta la gamma emotiva, li sente certe emozioni, quell’altra parte sente altre emozioni.
C3 : …. ( lentamente Raffaella entra nella posizione della vulnerabilità )
F : ascolta, rimani un po’ li, sei piccola non parli, sentiti…ora ritorna al centro.
C : …è un bambina questa, e vuole essere vista, vuole il suo spazio…
F : esattamente quanto lei non vuole essere vista tanto lei vuole essere vista… eccomi qua ! Ok. Forse tu Raffaella potresti dirle ( alla bambina) che è brava …
C: io la conosco adesso questa bambina…
F : potresti dirle ti voglio bene…
C : quella la conoscevo…
F : è per questo che è importante conoscerla…il fatto che adesso che Raffaella ti possa vedere ti fa stare meglio.
C : si, lo sento.
F : concludiamo, facciamo la Visione lucida (la VL rappresenta una sintesi, un riepilogo di tutta la seduta, che il facilitatore fa alla fine, con il cliente seduto di fianco che ascolta in silenzio).